20 aprile arriva il cannabis day

20 aprile arriva il cannabis day

In questo articolo vi racconteremo cos'è e cosa vuol dire 4.20. Questo numero lo abbiamo sentito spesso ma ancora molti non conoscono il suo significato, la tradizione e la sua storia. Nello specifico vi racconteremo:

  1. 4.20 l'origine della tradizione
  2. 4.20 nel mondo
  3. 4.20 in quarantena, come festeggiare lo stesso

Ogni religione ha festività e simboli: c'è chi non può rinunciare ad albero e presepe, chi passa tutto l'anno aspettando di rivedere i propri defunti e chi balla intorno al fuoco per propiziare pioggia e raccolti. Per i fumatori di cannabis, il giorno dell'abito della festa, cartine nuove e barba fatta (oltre a tutto il resto del corpo) - è il 20 aprile

Vi starete chiedendo perché gli amanti di erba e hashish abbiano scelto di segnare di rosso sul calendario proprio il 20 aprile. La tradizione è legata al numero 420, cifra cara a tutti gli appassionati di cannabis. Negli USA le date vengono indicate con il mese seguito dal giorno, e non viceversa come accade in Italia: da qui la data del 20 aprile, appunto il 4/20. Le leggende sull'origine della giornata mondiale della cannabis si sono sprecate per anni, ma oggi – finalmente – la verità è venuta a galla: 420 non è il codice di un reato federale che punisce il consumo di sostanze stupefacenti, non è il numero degli attivi chimici contenuti nella cannabis e nemmeno la data di nascita di Hitler, come qualcuno ha provato a farvi credere. Si tratta di un orario, per la precisione l'ora di un appuntamento tra amici. 

Stai cercando un prodotto al cbd di alta qualità? Prova Perla-AK-47, non te ne pentirai.

Four Twenty: l'origine della tradizione

La storia del Four Twenty comincia a San Rafael nel 1971. Siamo nella California degli anni '70, terra di hippie e libertà, e i protagonisti di questa storia sono un gruppo di liceali della San Rafael High School, che si facevano chiamare Waldos e avevano l'abitudine di incontrarsi alle 4.20 in un parco cittadino. Si vedevano tutti i giorni alla stessa ora con un obiettivo: andavano alla ricerca di un leggendario campo di marijuana nascosto vicino alla stazione della Guardia Costiera di Point Reyes. Avevano sentito che un tizio della Guardia Costiera era stato costretto ad abbandonare un appezzamento di terreno coltivato a marijuana, e così si sono messi a cercarlo. 

Cerchi la qualità di un ottimo prodotto ad un prezzo conveniente? Prova il nostro Box XL con grammature personalizzate da 10-20-30-60 gr ad un costo imbattibile!

Si davano appuntamento alla 4:20 vicino alla statua di Louis Pasteur e poi, dopo aver fumato una canna, si aggiravano per i campi di Point Reyes. Dopo settimane di vane ricerche, i Waldos smisero di dare la caccia alle piante fantasma, ma conservarono l'abitudine di utilizzare il numero 420 per darsi appuntamento e fumare marijuana insieme, passando inosservati. 

La leggenda del 420 probabilmente non sarebbe mai nata, se non fosse stato per il fratello maggiore di Waldo Dave: il ragazzo era amico di Phil Lesh, bassista dei Grateful Dead, rock band famosissima ancora oggi. Dopo aver appreso il codice dai Waldos, Leash e i Grateful Dead se ne appropriarono, passando i successivi 35 anni a girare il mondo, fumare erba e alimentarne il mito.

Quando il Four Twenty divenne leggenda, i non più giovani Waldos tentarono di nascondere la loro identità, per tutelare famiglie e carriere ormai decollate. Le identità di alcuni di loro sono state svelate, anche se Mark Gravitch, Dave Reddix e Steve Capper, alcuni dei Waldos, hanno tentato di nascondere la loro identità con moltissimi sforzi. I tre erano soliti utilizzare nomi in codice come Waldo Dave, Waldo Steve e Waldo Mark. Oggi, però, si godono il ruolo che hanno giocato nella storia dell'erba. Per dimostrare il loro coinvolgimento nella nascita della leggenda, avrebbero recuperato e mostrato ai compagni di scorribande una bandiera recante il numero 420 da loro utilizzata, insieme ad alcune lettere francobollate; il numero era utilizzato da loro come un codice per indicare la marijuana.

Silver Haze Cannabis

Il Four Twenty nel mondo 

Il Cannabis Day è diventato un'occasione per parlare di cannabis, per fare cultura sulla pianta, sulle sue applicazioni terapeutiche e sull'utilizzo dei suoi derivati. Ogni anno, in tutto il mondo, si tengono centinaia di eventi targati 420, in cui si celebra l'erba con musica, documentari e conferenze. 

Di seguito una breve guida ai principali eventi del cannabis day nel mondo. 

  • 420 Hippie Hill - San Francisco Golden Gate Park: il luogo è storico, la location meravigliosa e la musica pazzecsa. A San Francisco il 420 si festeggia in grande stile, in un luogo di ritrovo simbolo degli hippie degli anni '60;
  • 420 University of Colorado Boulder campus: l'evento è organizzato dagli allievi e non compare negli eventi ufficiali dell'università, ma attrae visitatori da tutto il circondario;
  • Ottawa, Major's Hill Park: è stato il secondo grande raduno di fumatori d'erba del Canada, dopo quello di Vancouver del 1995. All'inizio era un raduno di poche centinaia di persone, ma col tempo è diventato il luogo di ritrovo dei fumatori di tutto l'Ontario. 
  • Montréal, Quebec, Mount Royal: festa della cannabis molto frequentata, soprattutto dopo la legalizzazione nel 2018.
  • Vancouver, Vancouver Art Gallery: è stato il primo cannabis day di tutto il Canada, nel 1995. Da qui è partita anche la spinta culturale che ha portato alla legalizzazione della marijuana nel 2018, sia a scopo ricreativo che terapeutico. 

Questi sono soltanto alcuni degli eventi organizzati in Stati Uniti e Canada dagli amanti della cannabis. In terra nostrana, invece, si tiene il Roma Fest, che riunisce tutte le realtà romane del settore della cannabis in una giornata leggera ma informativa. Il festival inizia simbolicamente alle 16:20 del 20 aprile e dedica molto spazio a dibattiti e tavole rotonde, documentari e musica per 12 ore. A Milano si tiene Hemp Fest, nato nel 2016 come piccolo festival e divenuto da due edizioni una vera e propria Fiera Internazionale. È un evento sulla canapa in tutte le sue sfaccettature. Tre giorni di conferenze, workshop, vendita di prodotti derivati della canapa industriale, area grow, area food e persino una competizione per scegliere le migliori infiorescenze.

Cannabis light

Il 4/20/2020: cannabis in quarantena 

Il Four Twenty 2020 sarà molto diverso dai precedenti. Le straordinarie misure di contenimento del virus ci vietano di uscire di casa, i negozi sono chiusi e gli assembramenti vietati, gli eventi sono stati cancellati nella maggior parte dei paesi del mondo. Come festeggiare il cannabis day in quest'anno così particolare? Noi vi consigliamo di farlo con la cannabis light. In questo periodo anche la vendita illegale di marijuana ha subito molte ripercussioni ed è diventato difficile procurarsela, anche per fumatori più scaltri. L'unica soluzione resta comprare la cannabis light, distribuita in maniera capillare attraverso i tabaccai, i distributori automatici e il web. Terre di Cannabis ha potenziato il servizio di consegna, per far fronte alle molte richieste di questo periodo e permettervi di avere la vostra marijuana sempre a disposizione. Per far fronte a questo periodo vi consigliamo il nostro Box XL, confezioni di cannabis light personalizzabili per varietà e quantità. È possibile ordinare attraverso il sito web oppure su Whatsapp

Volete qualcosa in più per il vostro Four Twenty? Di certo quest'anno avrete più tempo da dedicare alla vostra pianta preferita, quindi perché non provare a preparare dei golosissimi muffin a base di ganja? Con la cannabis si possono fare molte cose, non fossilizzatevi solo sulla possibilità di fumarla. Nel nostro blog ci sono tutte le indicazioni che ti servono per realizzare dei perfetti muffin alla marijuana con burro di cannabis e banana.

Mentre cucini potrai ascoltare COVID-420 Quarantine Party, playlist musicale a tema virus, comparsa qualche giorno fa su Spotify per allietare le nostre giornate casalinghe! 

semi di cannabis

Se l'articolo è stato di tuo interesse condividilo sui social con il resto della Community, ogni singolo share ci aiuta a sostenere il nostro Blog e a tenervi  informati a 360° sul mondo della Cannabis.

  1. Modi di fumare erba in giro per il mondo
  2. Quali sono le nazioni più tolleranti con la cannabis
  3. Dove comprare la cannabis in tempo di Covid 19

0 commenti

Scrivi un commento

I commenti sono moderati